Stella di Natale le cose da sapere per mantenerla in vita

Avete mai riflettuto sulla vita delle Stelle di Natale (Euphorbia pulcherrima)?

Pompate di ormoni e fertilizzanti per fiorire al momento giusto, soffocate da cellophane per essere esposte in mercatini e supermercati, scaraventate dal gelo della piazza al caldo degli appartamenti e infine diventare moncherini a cui rimane aggrappata qualche foglia ingiallita a fine feste Natalizie, le Stelle di Natale sembrano non avere proprio una vita molto facile e non è necessario sbarazzarsi di loro davanti un cassonetto o fuori terrazzi e balconi a fine feste natalizie.

Non è di certo tra le specie più semplici da gestire, basta un niente per mandarla in crisi, ma si tratta di una pianta che riesce a sopravvivere anche in estate, tuttavia farla rifiorire non è molto semplice.

Di seguito vi indico alcune curiosità e informazioni che vi aiuteranno a conoscere la vostra Euphorbia pulcherrima per aiutarla a sopravviviere.

CURIOSITA’:

Acquistiamo la Stella di Natale nel periodo natalizio, ma ciò non vuol dire che è una pianta che ama il freddo, in realtà essendo una pianta di origine messicana ama i climi caldi. In Messico, nel suo ambiente naturale, dove da sempre le euforbie sono affettuosamente chiamate Flor de la Nochebuena è un arbusto che raggiunge i 2 m di altezza; in vaso non supera, a seconda delle varietà i 30-40 cm. I fiori veri sono piccoli e insignificanti, mentre sono vistose e colorate le brattee che li circondano (foglie, quelle che noi chiamiamo “fiori”); sono piante brevidiurne  fioriscono solo se non prendono luce per più di 8-10 ore  al giorno, basta una lampada accesa o un riverbero  a ritardare o addirittura compromettere la fioritura.

Il drenaggio è un altro fattore da non sottovalutare, la Stella di Natale infatti, è molto sensibile ai ristagni d’acqua è da evitate la formazione di acqua nel sottovaso e irrigare solo quando il terreno del vaso appare asciutto.

COME COMPORTARSI:

Se volete far vivere e rifiorire la vostra Stella di Natale, è importante cambiare la sua posizione in casa durante l’anno:

  • INVERNO: Periodo in cui la Euphorbia pulcherrima arriva in casa. L’inverno è una stagione in cui la pianta vuole molta luce naturale, posizionatela in una zona della casa con abbastanza luce naturale e lontano da fonti di calore. Aspettate che cadano le foglie rosse e poi tagliare i rami che sono fioriti circa a fine febbraio, tagliate via circa una decina di centimetri di ramo senza dimenticare di indossare i guanti perchè la linfa della pianta può essere urticante. Temperatura: In inverno la temperatura ideale si aggira sui 18-20°C.
  • PRIMAVERA: In questo periodo dell’anno quando la temperatura esterna diviene più mite è il momento di trasferirla all’aperto, inizialmente in una zona ombreggiata, poi gradualmente spostatela al sole. Temperatura: In primavera esige una temperatura esterna mite 15-18°C.
  • ESTATE: Il sole estivo non è un buon amico della Euphorbia pulcherrima per questo motivo tenetela all’ombra e ricordate di irrigare quanto basta, non lasciate che il terriccio si asciughi troppo e se siete fortunati i fiori si apriranno sul finire di settembre periodo in cui è utile concimare il terreno.
  • AUTUNNO: Il periodo dell’anno più delicato, ritiratela in casa gradualmente a seconda del clima, intorno a Ottobre prima di partire con il riscaldamento interno. In realtà il segreto per farla rifiorire è metterla al buio! Da Settembre a Ottobre, dalle 5 di pomeriggio alle 7 di mattina ricordatevi di mettere la Stella di Natale in un luogo completamente buio. Durante il giorno rimettetela nella sua posizione originaria in una zona luminosa, in questo modo avrete più probabilità di aver fiori  bellissimi.

La popolarità della Stella di Natale in Italia è arrivata soltanto due secoli fa, quando venne usata per adornare la Basilica di San Pietro, ma ora secondo i dati ufficiali,

ogni anno, si vendono circa 20.000.000 di esemplari!

Vi lascio un piccolo promemoria, un’etichetta da stampare e ritagliare per la vostra Euphorbia pulcherrima o Stella di Natale.

PROMEMORIA STELLA DI NATALE

 

Concludo questo articolo con la speranza di aver sensibilizzato almeno l’1% di voi lettori.

#lungavitaallestelledinatale

Silvia Ramieri

 

Leave a Comment